sabato, settembre 05, 2009

"Per sempre" (che fondamentalmente è uguale a "mai")

More about L' amore degli adulti

La prima volta che ho sentito parlare di questa raccolta di racconti risale a circa di dieci anni fa, probabilmente in occasione della sua ristampa in edizione economica. In quel periodo quelli che vivevo erano l'esatto contrario degli Amori degli adulti, eppure ricordo perfettamente che il titolo del libro mi colpì moltissimo, complice anche una recensione di Ivano Fossati che all'epoca stavo scoprendo come cantautore e che oggi compare in quarta di copertina.
Per anni ho dimenticato questo libro, che è ricomparso magicamente seguendo i meccanismi della navigazione libera tra blog, social network e così via.
Nel frattempo queste magnifiche storie non sono invecchiate, mentre sono invecchiato io, ed è stato un po' come quando da bambini si diceva alla cuginetta di 10 anni più "Aspettami, che quando cresco ti sposo". Solo che la cuginetta non ha aspettato, è inevitabilmente invecchiata, mentre i protagonisti di queste storie mi hanno pazientemente aspettato in attesa che iniziassi a vivere anche io gli amori degli adulti. Che non sono meno intensi, meno distruttivi, meno portatori di felicità, gioia, malinconia e pazzia di quelli degli adolescenti, anzi, in queste storie ci sono momenti di vera disperazione (Il redattore), attese infinite (L'amore degli adulti), condivisione (Molonat), solitudine (Un uomo perbene), cambi repentini di vita (Un segreto), e tutta l'ampia gamma di sentimenti che un amore può portare.
L'unica vera differenza è che questi personaggi vivono l'amore come una esperienza non nuova, qualcosa che hanno già affrontato in passato, e qualunque sia il loro coinvolgimento nelle storie d'amore che stanno vivendo non hanno mai quella sensazione tipica dell'innamoramento adolescenziale che l'altro sia "tutto, dappertutto e per sempre". Questo confronto ha sicuramente il suo apice in "Formitrol", simbolicamente messo in coda alla raccolta, e che come in un viaggio nel tempo da una seconda occasione ad un uomo oramai maturo di rivivere una storia d'amore che non aveva avuto il coraggio di prendersi quando era adolescente. Che è un po' quello che è avvenuto tra me e questo libro, che probabilmente non è un capolavoro assoluto, ma è uno di quelli che mi resterà a lungo addosso.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Eppure immaginavo che l'amore di noi adulti non facesse per te, che sei l'unica persona che conosco che, ancora oggi, quasi trentenne, riesce a prendersela con tutta la forza, la disperazione e la bellezza di un adolescente. Che poi, in definitiva, è proprio quello che rende Krapp, Krapp :)

corro a comprarlo, comunque

Piccola stronza senza cielo

SunOfYork ha detto...

Non vorrei dire, ma quella Piccola Stronza Senza Cielo ti sta dando del "sentimentalmente immaturo" :P

Grande recensione Krappino, soprattutto ho apprezzato la parte in cui ammetti di averci provato pure con la tua cuginetta.

SOY

Anonimo ha detto...

E' sempre un piacere rileggerti :)
Brain

Krapp ha detto...

Sun, mica solo con una! In realtà ci ho provato con tutte :PP

Grazie enrì, il tempo di aggiornare i link e aggiungo anche il tuo tumblr :)

Antonio Paradies ha detto...

Ma lo sai che scrivi proprio bene!
Un salutone da Napoli!

Un amico.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
オテモヤン ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
mmmmsandy009 ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.